ARTE il più importante canale culturale europeo ha presentato nella splendida cornice della casa di Goethe a Roma la nuova offerta digitale con ARTE in italiano.

ARTE, Da oggi la cultura parla 6 lingue, il più importante canale culturale europeo, presenta la nuova offerta digitale ARTE in italiano, presentato a Roma nella cornice della casa di Goethe, il canale culturale europeo offrirà dal 17 ottobre 2018 anche la versione italiana grazie  ai sottotitoli nella nostra lingua all’interno dell’offerta
gratuita in streaming video.

L’offerta multilingue di ARTE, già disponibile con sottotitoli in inglese
(www.arte.tv/en), spagnolo (www.arte.tv/es) e polacco (www.arte.tv/pl), oltre che francese (www.arte.tv/fr) e
tedesco (www.arte.tv/de), dal 17 ottobre 2018 si arricchisce con la versione italiana fruibile su www.arte.tv/it
e tramite applicazione per smartphone, tablet e smart TV, nonché sul servizio tivùon! di tivùsat.

Ogni settimana ARTE, attraverso l’offerta streaming multilingue, offre 10 ore di nuovi programmi sottotitolati:
documentari nel campo delle scoperte, inchieste, società, scienze, cultura e arte, ma anche appuntamenti come
i magazine ARTE Reportage con approfondimenti sull’attualità europea e internazionale e il magazine culturale
europeo Metropolis. Troverà ampio spazio anche lo Spettacolo, grazie a una scelta di programmi dell’offerta
musicale ARTE Concert, concerti di musica classica e leggera, opera, jazz e ancora elettronica e rock.

Dal 17 ottobre 2018, la programmazione gratuita in italiano, francese, tedesco, inglese, polacco e spagnolo
consentirà ad ARTE di raggiungere il 70% di tutti gli Europei nella loro lingua madre. Oltre la metà di tutti i
programmi sarà accessibile in tutto il mondo. La sottotitolazione in italiano, inglese, polacco e spagnolo è stata
resa possibile grazie ad un progetto sperimentale, co-finanziato dall’Unione Europea.
Una selezione dei programmi di ARTE in italiano saranno disponibili anche sul sito della Radiotelevisione Svizzera
Italiana nella sezione rsi.ch/cultura, mentre ARTE in italiano ospiterà alcuni programmi della RSI.
Aumentando la sua proposta di programmi sottotitolati con l’introduzione della lingua italiana, ARTE fa un
ulteriore passo verso la concretizzazione della sua missione in Europa e consente la divulgazione in varie lingue
di contenuti culturali di alta qualità. Inutile concludere che quello che forse non si riesce a fare a livello politico, senza dubbio si realizza attraverso la cultura, dando ai cittadini europei finalmente la possibilità di accedere a programmi di qualità realizzati dal canale, che da sempre si distingue per l’altissima qualità dell’offerta.

Comments

comments

Roberto Leofrigio

Laureato in Scienze della Comunicazione, critico cinematografico, ufficio stampa per eventi e festival, cameraman professionale. Da 20 anni intervista chi conta in tutti i settori dello spettacolo e non solo.

View all posts