Geoffrey Rush starebbe passando una grave crisi psicologica e vivrebbe recluso in casa dopo aver subito delle accuse per molestie sessuali, lo ha riferito il suo avvocato.

L’attore Premio Oscar Geoffrey Rush starebbe affrontando una grave crisi psicologica dopo le pesanti accuse che gli ha rivolto  il Daily Telegraph di aver avuto comportamenti inappropriati con l’attrice Eryn Jean Norvill durante la produzione dello spettacolo Re Lear nel 2015, proprio con la Sidney Theatre Company. Accuse pesantissime che hanno avuto un impatto devastante sull’attore, che si è dichiarato sempre innocente. Il suo avvocato Nicholas Pullen ha querelato il giornale e al tribunale federale australiano, come riporta il The Guardian, ha spiegato che ormai vive praticamente recluso in causa con mancanza di sonno e disturbi di ansia attualmente sotto cura farmacologica.

In questo periodo di “caccia alle streghe” nel mondo dello spettacolo Geoffrey Rush è convinto che la sua carriera sia irreparabilmente compromessa, anche nel caso venisse accertata la sua innocenza come non ha mai smesso di processare l’artista. Geoffrey Rush al momento rifiuterebbe anche il cibo e non c’è verso di farlo reagire. L’attore ha lavorato per oltre 35 anni con la Sidney Theatre Company e non si è mai verificato un caso come quello presunto di cui è stato accusato.

Geoffrey Rush ha vinto l’Oscar come miglior attore nel 1997 per “Shine”, in Italia è stata molto acclamata la sua prova per “La miglior offerta” di Giuseppe Tornatore, mentre il grande pubblico dei più giovani lo ha imparato ad amare nei panni del Capitano Barbossa nella saga dei Pirati dei Caraibi. La sua ultima grande interpretazione è stata il ruolo di Albert Einstein in “Genius” che gli è valso una nomination agli Emmy Awards.

Continua a seguire tutte le notizie sul mondo del cinema con TalkyMovie!

Comments

comments

Thomas Cardinali

Giornalista pubblicista appassionato di cinema, serie tv e sport. Dopo aver gestito un blog e aver collaborato con testate nazionali (Romanews.eu, Blogdicultura, FilmUp) ed internazionali (melty.it) ho deciso di dedicarmi al nuovo progetto di Talky per un network indirizzato al pubblico under 30.

View all posts