Il mondo della cultura partenopea ed italiana piange  Luigi De Filippo, attore, direttore del teatro Parioli di Roma e nipote del grande Eduardo.

Si è spento l’ultimo discendente di una delle dinastie artistiche più importanti della storia partenopea. Ad 87 anni ci lascia  Luigi De Filippo, figlio di Peppino e nipote del grande Eduardo. Aveva 87 anni. L’attore, commediografo ed attuale direttore artistico del teatro Parioli di Roma era nato a Napoli il 10 agosto 1930. Fino a metà gennaio era stato in scena, con “Natale in casa Cupiello” di suo zio Eduardo, proprio nel teatro romano.

Peppino e Luigi De Filippo

Luigi De Filippo debutta a 21 anni nella compagnia paterna. Nel 1978 è protagonista dello sceneggiato “Storie della camorra” e nel 1987 interpreta il giudice Venturi nella ficion tv “La piovra 3”. La sua vera passione però è il teatro che lo porta nel 1978 a lasciare la compagnia paterna per fondarne una propria. Nel corso della carriera oltre  a recitare le commedie del padre Peppino e dello zio Eduardo ne ha scritte diverse di sue ed ha anche portato in scena grandi classici come Gogol, Moliére, Pirandello. Dopo che ne è diventato direttore artistico nel 2011 il teatro di Roma ha cambiato nome in  Teatro Parioli-Peppino De Filippo.

Continua a seguirci su TalkyLife!

Thomas Cardinali

Giornalista pubblicista appassionato di cinema, serie tv e sport. Dopo aver gestito un blog e aver collaborato con testate nazionali (Romanews.eu, Blogdicultura, FilmUp) ed internazionali (melty.it) ho deciso di dedicarmi al nuovo progetto di Talky per un network indirizzato al pubblico under 30.

View all posts

Add comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close