Home / Celebrity / Chester Bennington: è morto suicida il frontman dei Linkin Park. Lascia 6 figli

Chester Bennington: è morto suicida il frontman dei Linkin Park. Lascia 6 figli

Chester Bennington, il cantante Linkin Park, si è suicidato: chi ha trovato il corpo riferisce che il cantante 41enne si sia impiccato in una casa privata a Los Angeles.

Un portavoce della polizia di Palos Verdes Estates ha detto a Sky News: “Alle 8.56 abbiamo risposto ad una chiamata al numero 2800 di Via Victoria.”, confermando poi che il corpo è stato ritrovato senza vita. L’ufficio del coroner di Los Angeles ha confermato a Billboard che è morto giovedì mattina ma il tutto è ancora sotto indagine. Chester Bennington  ha lottato con la dipendenza da alcool e droga in vari momenti nella sua vita, l’album più recente della band, One More Light, è in cima alla top 200 di Billboard dall’inizio di quest’anno.

Chester Bennington: si spegne la stella dei Linkin Park

Nato il 20 marzo 1976 a Phoenix, Chester Bennington ha vissuto un’infanzia difficile: già a 8 anni era vittima di molestie e aggressioni. «Ha distrutto la mia autostima», ha detto durante un’intervista. «Non riuscivo a parlarne, non volevo che la gente pensasse che fosse tutto falso. È stato orribile». Sposato per due volte, per 12 anni con la modella Talinda Ann Bentley, Chester Bennington lascia 6 figli. Il cantante dei Linkin Park era molto vicino a Chris Cornell, suicidatosi lo scorso mese. Chester, così come il chitarrista Linkin Park Brad Delson, aveva eseguito “Hallelujah” di Leonard Cohen durante il funerale dell’amico. Oggi sarebbe stato il 53 ° compleanno di Cornell.

Chester Bennington ha spesso parlato della sua lotta contro la droga, l’alcool e la droga. In un’intervista alla rivista Metal Hammer ha dichiarato:
Sono arrivato a farmi anche 11 volte al giorno con l’acido. Ne ho assunto talmente tanto che sono sorpreso del fatto che io riesca ancora a parlare. Ho fumato anche tantissimo crack e persino l’oppio pensando che potessi disintossicarmi. Sono arrivato a pesare 46 chili, mia madre mi guardava e mi diceva che sembrava fossi appena uscito da Auschwitz.

La carriera di Chester Bennington, dagli Xero al successo

La carriera di Chester Bennington è cominciata nel 1993 ma è nel 1998 che la sua vocalità fuori dal comune cominciò ad essere conosciuta nel mondo della musica con il suo ingresso come frontman nei Linkin Park, allora Xero. Il 24 ottobre 2000, quando divennero la band che conosciamo con il nome attuale, pubblicarono l’album d’esordio Hybrid Theory, contenente la famosissima traccia In the End. L’album divenne il disco più di successo del genere “nu metal” con più di 27 milioni di copie in tutto il mondo e la voce di Chester Bennington fu nota a tutti.
Chester Bennington

La notizia del suicidio di Chester Bennington è stata data da TMZ.

About Luisa Ricotta

Check Also

“Ora o mai più”, Toto Cutugno è il vero anello debole del cast del cast del programma del sabato sera di Raiuno

Negli anni 80 era un cantautore di grande successo, capace di vendere tanti dischi anche …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *