Home / Cultura / Mostra sui giocattoli a Napoli, un viaggio nel paese dei balocchi dal’700 a oggi.

Mostra sui giocattoli a Napoli, un viaggio nel paese dei balocchi dal’700 a oggi.

Un excursur storico sui giocattoli che hanno caratterizzato l’infanzia di molti bambini, stimolandone creatività e fantasia.

Napoli ospita una mostra sui giocattoli: tra bambole, orsacchiotti, soldati in legno, trenini. Questi sono i gingilli che hanno fatto compagnia a molti bambini nel corso degli anni, quando non esistevano i videogames e le consolle che ci sono oggi. Accompagnavano i pomeriggi di ogni fanciullo il quale poteva toccare con mano, sentire l’odore, di questi oggetti fatti con materiali semplici come legno, latta o stoffa.  Non esisteva l’insaziabilità di avere il gioco dell’ultima moda per essere speciali. Ogni giocattolo nella sua semplicità, stimolava la fantasia e la curiosità di ogni bambino.

La mostra  organizzata dall’assessore alla cultura del comune di Napoli, Nino Daniele  dichiara “Puntiamo sull’idea di gioco per riconquistare le strade e recuperare la dimensione della socialità e della condivisione a partire dai più piccoli”. Un excursur storico nel mondo dei balocchi, da giochi in legno e latta fino alle più moderne Barbie  e  far sognare persone di ogni età. Pezzi provenienti da tutto il mondo di cui la metà dal “Museo del Giocattolo” di Napoli del Suor Orsola Benincasa nato dalla passione di Vincenzo Capuano, curatore della mostra.

Divisa per aree tematiche e cronologiche, la mostra ha come pezzo importante “Gay Bob” il primo giocattolo gay al mondo, prodotto nel 1977 a New York con lo scopo di lanciare un messaggio contro la discriminazione di genere e di razza,  spiega Capuano “L’educazione alla diversità è l’unica via verso un futuro di benessere  e di pace. Ancora oggi un maschietto che esprime il suo desiderio di giocare con le bambole è guardato con sospetto dagli altri bambini, dagli insegnanti e dai genitori stessi.”

Una parte dell’esposizione “Con i giocattoli nun s’pazzea“è dedicata ai giochi contraffatti e sequestrati dalle Forze dell’Ordine, con lo scopo di sensibilizzare il pubblico ai valori della legalità e della sicurezza con la tutela della salute dei più piccoli.

“Storie di giocattoli. Dal settecento a Barbie” allestita all’interno del Convento San Domenico Maggiore a Napoli sarà visitabile da oggi fino al 19 marzo 2017, seguendo i seguenti orari:

Dalla domenica al giovedì: 10.00-19.00;

Venerdì e sabato: 10.00-22.00;

Festivi sabato 24 e 31 dicembre: 10.00-14.00;

Il costo del biglietto è di 5 euro.

 

About Ambra Azzoli

Check Also

Accademia della Crusca

Accademia della Crusca: “Siedi il bambino” ed “Esci il cane” sono italiano

L'Accademia della Crusca approva due nuovi termini nel lessico italiano. Si tratta di "Siedi il bambino" ed "Esci il cane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *